Il culto dei sabini nei boschi tra borghi e torrenti

news

LE ULTIME NEWS

balcone della sabina

Sarà ancora il caso di stupirsi nel poter scoprire e far scoprire la ricchezza di questa terra?

L’antico popolo dei sabini aveva una grande religiosità, da cui derivava l’obbedienza alle leggi ed il rispetto per la parola data.

Ogni aspetto della vita e delle forze della natura veniva concepito come sacro e divino in cui gli Dei esercitavano la loro protezione.

La dea Madre, da cui tutto discendeva, era la DEA VACUNA, divinità dei campi e della natura, il cui culto era collegato ai boschi, alle acque, al naturalismo silvestre.

Vacuna, dea venerata prima dai Sabini poi dai Romani, era una divinità invocata per la fertilità, legata alle fonti, alla caccia e al riposo.

La radice del suo nome è ancor oggi largamente utilizzata, facile è riconoscerla in tutto ciò che induce al riposo e alla contemplazione: vacare, vacante, vacanze, vacuare, vacuo, vagabondare.

Non a caso molti pacifici luoghi appenninici dell’Italia centrale sono etimologicamente riconducibili a Vacuna come, per l’appunto Vacone.

Ai confini nord di questo territorio, in luoghi ancora sconosciuti ai molti, si concentrano I resti di storia sabina, romana e medioevale.

Scelto per voi, un percorso ad anello che apre gli occhi ed orienta lo sguardo sulle innumerevoli bellezze sia storiche, che naturali, oltre che paesaggistiche, che questo angolo di Sabina custodisce.
15 km fuori dai sentieri conosciuti ci permetteranno di immergerci nello stupore, rivivendo lo spirito e la spiritualità di questi posti.

VEDERE, SENTIRE, ASCOLTARE, ODORARE, TOCCARE.

Un percorso a piedi attraverso la storia e le sensazioni più antiche e mistiche che il rapporto con la natura sa evocare.

DETTAGLI
percorso ad anello
lunghezza15 km
dislivello: +/- 300 mt
durata: 6 ore (escluso soste)

APPUNTAMENTO
ore 9:00 (il luogo dell’appuntamento verrà fornito al momento della prenotazione)

COSTO GUIDA
15 €

ACCOMPAGNATORE
Elisa Pellirossi, nell’esercizio della professione di Guida Ambientale Escursionistica associata Aigae, codice tessera LA448
P.IVA 01158490571

OBBLIGATORIA PRENOTAZIONE
Entro le 18 di sabato 15 giugno

NOTA BENE
L’itinerario prevede un tratto di cammino in acqua per cui è necessario venire con scarpe / sandali sportivi da usare nella progressione.

La guida si riserva il diritto di non accettare chi si presenta senza l’attrezzatura richiesta.

COSA INDOSSARE
– scarpe da trekking
– abbigliamento escursionistico adeguato alla stagione
– cappellino
– occhiali da sole
– crema solare

COSA PORTARE
– acqua (2lt a persona)
– pranzo a sacco
– frutta, frutta secca e snack
– sandali /scarpe sportive per il tratto in acqua

INFO E PRENOTAZIONI
3207685731 (anche whatsapp)